IL LASER A DIOIDI COME MIGLIOR AMICO DEI VOSTRI DENTI.

L'odontoiatria moderna ha fatto e sta tutt'ora facendo negli anni passi da gigante, difatti, problemi che fino a poco tempo fa sembravano insormontsbili oggi non lo sono più grazie all'unione di tecnologia e studi scientifici. La tecnologia laser applicata alla medicina è ormai una realtà nota e negli anni anche l'odontoiatria ha iniziato a beneficiare della stessa introducendo terapie sempre più rapide, meno dolorose e sempre più apprezzate dal paziente. 

I benefici del laser a diodi in odontoiatria sono innumerevoli, non solo per il paziente, ma anche per il personale medico. Si parla, infatti, di una notevole riduzione dei tempi di lavoro, minor dolore durante l'intervento, maggior velocità di guarigione e ridotto uso di anestetico.

Il laser odontoiatrico è uno strumento medico che genera un raggio molto preciso di luce concentrata. Il raggio sterilizza la zona bersaglio e, allo stesso tempo, coagula i vasi sanguigni riducendo il rischio di infezione e sanguinamento. 

Le sedute dal dentista diventano molto brevi e rilassanti e, nella maggior parte dei casi, non vi è neppure bisogno di ricorrere all'anestesia. 

Alcune procedure possono essere eseguite in una frazione del tempo richiesto dallo stesso intervento senza laser, con evidenti benefici sulla durata del "tempo sulla poltrona".

L'efficienza del laser è basata su tassi di picco di assorbimento dei materiali contenuti nei tessuti bersaglio (duri o molli) e di altro materiale dentale di lunghezze d'onda uniche. L'energia ottimale viene fornita con la minima emissione possibile, basata sulle caratteristiche di assorbimento uniche e precise delle singole lunghezze d'onda. Alcune di queste lunghezze hanno un'affinità con l'acqua e con le strutture pigmentate in rosso, ciò le rende particolarmente efficaci per le procedure sui tessuti molli della cavità orale.

 

VANTAGGI DEL LASER A DIODI NELLA MEDICINA ORALE.

Il laser ha effetto di decontaminazione antibatterica, questo agevola la guarigione dei tessuti post intervento e riduc notevolmente il rischio di infezione.

La luce emessa dal dispositivo ha proprietà cicatrizzante e coagulante, rendendo non necessari i punti di sutura e scongiurando fastidi o disturbi post operatori. 

Un paio di sedute della durata di pochi minuti, possono risolvere i problemi di sensibilità dentale. Il laser a diodi non ha contrindicazioni e può essere usato anche per Pazienti più giovani e bambini.

Lo strumento è totalmente silenzioso, non trasmette vibrazioni e impiega puntali sterili monouso per garantire l'igiene e il massimo confort del Paziente.

L'estrema tollerabilità al trattamento permette di evitare l'utilizzo dell'anestesia nella maggior parte dei casi. Risulta un metodo meno invasivo rispetto alle tecniche tradizionali  permettendo una minore distruzione cellulare e un minor sanguinamento per effetto dell'emostasi. 

 

APPLICAZIONI DEL LASER A DIODO NELLA MEDICINA ORALE.

La tecnologia laser a diodi nella moderna odontoiatria è usata per:

  • cura della gengivite e parodontite;
  • interventi di piccola chirurgia;
  • asportazioni di neoformazioni, cisti, lesioni ulcerative del cavo orale (afte, herpes, chelite angolare);
  • sbiancamento dentale;
  • devitalizzazioni e ritrattamenti canalari;
  • desensibilizzazione dentale

APPLICAZIONI DEL 

I LASER SONO DAVVERO SICURI?

Si, nelle mani di un dentista qualificato ed addestrato al loro utilizzo corretto. In alcuni casi, confrontando il laser con gli strumenti odontoiatrici tradizionali, si osserva una riduzione o addirittura una minimizzazione del rischio di danno ai tessuti circostanti grazie alla sua precisione incomparabile, al controllo specifico delle potenze, alla durata e all'esposizione. 

La luce laser è molto più efficace rispetto alle fonti di luce convenzionali perchè il laser produce un fascio intenso, stretto e concentrato di luce formata da una singola lunghezza d'onda: per contro, le fonti tradizionali di luce impiegate in odontoiatria, forniscono una luce che comprende tutto lo spettro, anche le lunghezze d'onda infrarosse (colore) e ultraviolette.

In altre parole, consente di ottenere i risultati voluti con minor potenza e in un periodo di tempo più breve. E non solo: in confronto all'elettrocoaugulazione e alle luci ad alta velocità, i laser garantiscono un ambiente molto più sicuro al Paziente. 

Blog

powered by dottcom